L’Associazione Vittime del Salva Banche torna sul tema arbitrati e risponde al sottosegretario Pier Paolo Baretta

baretta-640

Apprendiamo con amarezza che, nonostante le nostre richieste, la volontà del Governo sia quella di non estendere l’arbitrato a coloro che hanno acquistato questi titoli da altro intermediario, nonostante questa possibilità fosse invece originariamente prevista dalla legge di stabilità 2016. Le odierne dichiarazioni del Sottosegretario di Stato all’Economia e alle finanze Pier Paolo Baretta, secondo cui l’estensione della facoltà di ricorrere all’arbitrato agli investitori del mercato secondario comporterebbe la riduzione delle risorse disponibili per il risarcimento degli investitori del mercato primario, lasciano intendere che il fondo di solidarietà, istituito con la legge di Stabilità 2016 , abbia capienza limitata. Tali affermazioni sono assolutamente non veritiere in quanto, ai sensi dell’articolo 1 comma 856 della legge di stabilità 2016, il fondo di solidarietà è alimentato sulla base delle esigenze finanziarie connesse alla corresponsione delle prestazioni, pertanto non è previsto per legge alcun tetto massimo al fondo. Infine si evidenzia che lo stesso Sottosegretario Baretta, nell’affermare che un investitore operante sul mercato secondario sia provvisto di competenze maggiori di coloro che acquistano titoli nell’ambito di un rapporto diretto con la propria banca, abbia espresso un giudizio superficiale senza possedere adeguate informazioni necessarie alla valutazione e stia impropriamente avocando a sé la competenza dell’arbitro.

I risparmiatori azzerati delle 4 banche ricevano la medesima tutela riservata agli investitori del Montepaschi Siena con il decreto “Salva Risparmio”: l’appello dell’Associazione Vittime del Salva Banche al Governo e a tutti gli esponenti politici

  L’Associazione “Vittime del Salvabanche” chiede l’impegno tempestivo del Governo e di tutti gli esponenti politici affinché si estenda ai risparmiatori azzerati delle 4 banche esclusi dai rimborsi, la medesima tutela riservata agli investitori del Montepaschi Siena con il decreto “Salva Risparmio”. Si è infatti generata una disparità di...

Comunicazione importante agli obbligazionisti di Mps: Diritto di recesso conversione Mps entro 48 ore

La notte scorsa il Cda di Monte dei Paschi ha emesso un secondo supplemento al prospetto informativo e la Consob ha dato il via libera per comunicare a tutti gli obbligazionisti subordinati che hanno già provveduto alla conversione in azioni che potranno esercitare il diritto di revoca della propria sottoscrizione entro due giorni lavorativi...

Cinque buoni motivi per non convertire le obbligazioni subordinate di Mps secondo l’Associazione Vittime del Salva-Banche e l’esempio della lettera della Signora “Speranza Ristoro”.

L’Associazione Vittime del Salva-Banche, che da giorni riceve decine di email di obbligazionisti Mps disperati per il destino dei propri risparmi, e angosciati perché non sanno prendere la giusta decisione, ha stilato una lista di buoni motivi per cui un obbligazionista subordinato di Mps con Mifid non adeguata, non...

Sistema bancario italiano: il momento di soluzioni innovative, che riportino fiducia verso il sistema bancario ed evitino il panico finanziario, è adesso. L’Associazione Vittime del Salva-Banche propone garanzia pubblica fino a 100 mila su obbligazioni bancarie e crediti d’imposta ai piccoli risparmiatori da poter utilizzare per tutti i pagamenti verso la pubblica amministrazione.

Oggi come non mai è fondamentale che il Governo prenda in mano la situazione bancaria italiana ed agisca in maniera urgente e determinata attraverso soluzioni che tutelino i risparmiatori italiani e il sistema bancario su cui si regge l’economia del nostro paese. Alla luce della quantità di obbligazioni nelle...

Mps: la Consob a distanza di pochi giorni cambia idea ed autorizza di fatto “il grande ricatto” la conversione volontaria delle obbligazioni subordinate dei piccoli risparmiatori in azioni entro il 22 dicembre: In soli 4 giorni 50 mila obbligazionisti dovranno decidere se convertire volontariamente o forzosamente. Urge un chiarimento immediato del governo se in caso di risoluzione ci saranno interventi di salvaguardia o meno e su chi ne potrà eventualmente beneficiare, solo in questo caso potremo parlare di una scelta consapevole.

È notizia di questa mattina il rilancio del piano di ricapitalizzazione di 5 miliardi dell’Ad di Mps Marco Morelli con il benestare di Consob che a distanza di qualche settimana cambia idea e autorizza la conversione volontaria dei piccoli obbligazionisti subordinati di Mps. La prima riflessione va immediatamente rivolta...

Cosa rischiano gli obbligazionisti del Monte dei Paschi? Si parla sempre del destino della Banca, ma mai di quello dei risparmiatori? Burden Sharing Vs Bail-In, il parere dell’Associazione Vittime del Salva-Banche sul caso Mps:

Le notizie sui giornali rimbalzano e si contraddicono senza sosta nei giorni dell’instabilità politica, come se i problemi delle banche fossero dovuti alla crisi di governo e fino ad oggi l’Italia avesse goduto di una politica forte e determinata con interventi mirati al sistema bancario ormai in crisi da...

22 Nov 2016, Associazione Vittime del Salva-Banche in Banca d’Italia: cessioni Npl vadano a rimborsi

Bankitalia: “Vittime 4 Banche”, cessioni Npl vadano a rimborsi Richiesta delegazione associazione in incontro a Via Nazionale ROMA (ANSA) – ROMA, 22 NOV – “Abbiamo espresso tutti i nostri dubbi e critiche per quanto accaduto in questo anno sulle 4 banche andate in risoluzione e siamo tornati a chiedere che le plusvalenze...

L’Associazione Vittime del Salva-Banche: vergognosa la sentenza che proscioglie dalle accuse di ostacolo alla vigilanza gli Amministratori che con il loro agire hanno decretato l’azzeramento di tanti risparmiatori

Giudichiamo inammissibile e vergognosa l’assoluzione dall’accusa di ostacolo all’autorità di vigilanza per l’ex presidente Giuseppe Fornasari, l’ex direttore generale Luca Bronchi e il dirigente David Canestri. Quello di oggi è un colpo durissimo per i risparmiatori. Fornasari (ex presidente del cda dal 2011 al 2014), Bronchi (ex dg) e Canestri (attuale direttore...

Associazione Vittime del Salva-Banche: occorre affrontare la crisi bancaria con intelligenza e soluzioni condivise da risparmiatori e banche. Intollerabile strumentalizzare il voto dei cittadini italiani al referendum del 4 dicembre.

In questi giorni pre-referendum sempre più ci troviamo a dover fare una scelta a suon di minacce, tanto che viene da pensare che si voglia distogliere l’elettore da un voto consapevole, che entri davvero nel merito della riforma, costringendolo a votare quasi esclusivamente per le conseguenze che potrebbe assumersi...

Vai alla barra degli strumenti